1€ investito in cultura ne produce 1,67€ per l’economia reale, pure a Viterbo. Il rapporto Symbola-Unioncamere

1€ investito in cultura ne produce 1,67€ per l’economia reale, pure a Viterbo. Il rapporto Symbola-Unioncamere

Il rapporto "Io sono cultura" smentisce chi chiede che la cultura si autofinanzi. 1€ investito ne produce sull'intera economia 1,67. E a Viterbo?

ADimensione Font+- Stampa

1€ investito in cultura ne produce 1,67€ a ricaduta negli altri settori. È questo il valore dell’impresa culturale secondo il rapporto “Io sono cultura” steso da Fondazione Symbola e Unioncamere e pubblicato la settimana scorsa sui temi delle imprese culturali in Italia. Un rapporto che racconta lo stato delle province italiane in relazione ai temi culturali e che inquadra Viterbo come una delle realtà mediocri del nostro paese. Senza lode alcuna e con qualche infamia.

Nelle varie graduatorie stilate da Symbola e Unioncamere, infatti, Viterbo non va mai oltre il 36esimo posto su 110 (in particolare per l’incidenza del valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale sul totale dell’economia), ma precipita anche fino al 101esimo (per l’incidenza delle imprese del Sistema Produttivo Culturale sul totale economia).

“Ma allora per cosa combattiamo?”. Sono le parole di Winston Churchill che vengono riportate sul rapporto. Parole con le quali Churchill rispose a chi, durante la seconda guerra mondiale, gli propose di tagliare i fondi destinati alla cultura per sostenere lo sforzo bellico. Una domanda che dovrebbe farsi anche qualche amministratore e qualche opinion leader viterbese.

L’intera filiera culturale italiana vale 214 miliardi di euro: il 15,3% del valore aggiunto nazionale. Una cifra composta però non solo dall’incidenza del valore aggiunto delle imprese culturali (80 miliardi di euro), ma anche e soprattutto dalle ricadute sull’economia che la cultura attiva, ad esempio, sul turismo culturale (134 miliardi di euro). Insomma “la cultura – come è scritto sul rapporto – ha sul resto dell’economia un effetto moltiplicatore pari a 1,67: in altri termini, per ogni euro prodotto dalla cultura, se ne attivano 1,67 in altri settori. Gli 80 miliardi, quindi, ne ‘stimolano’ altri 134, per arrivare a quei 214 miliardi prodotti dall’intera filiera culturale”.

Ecco perché chi parla di cultura “da farsi solo con soldi dei privati”, parla a vanvera senza sapere cosa dice.

 

 

Sotto alcune delle graduatorie pubblicate, abbiamo messo solo i valori significativi per una comparazione con realtà vicine a Viterbo.

 

Graduatoria delle province italiane per incidenza del valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale sul totale economia.

 

ITALIA 5,4%

36^ Viterbo 5,1%

 

6^ Roma 7,5%

33^ Rieti 5,2%

88^ Frosinone 3,6%

89^ Latina 3,5%

 

1^ Arezzo 9%

39^ Perugia 5%

77^ Terni 3,9%

 

 

Graduatoria delle province italiane per incidenza dell’occupazione del Sistema Produttivo Culturale sul totale economia

 

ITALIA 5,8%

Viterbo 48^ 5,1%

 

13^ Roma 7,1%

44^ Rieti 5,2%

101^ Frosinone 3,6%

103^ Latina 3,4%

 

1^ Arezzo 10,4%

79^ Terni 4,4%

36^ Perugia 5,4%

 

 

Graduatoria delle province italiane per incidenza delle imprese del Sistema Produttivo Culturale sul totale economia

 

ITALIA 7,3%

101^ Viterbo 4,8%

 

6 Roma 9,7%

74 Frosinone 5,7%

77 Latina 5,6%

79 Rieti 5,6%

 

1 Firenze 11,8%

38 Perugia 7,0%

40 Terni 7,0%